De Venieri
Please select your language   IT | EN   [email protected]   site map  
Home Page Storia Finiture Tecniche di produzione Prodotti Gallery Contatti Area riservata
 
 
Ti trovi nella sezione: Tecniche di produzione
 
Le tecniche di progettazione e produzione
 

La fonderia è probabilmente la tecnica più antica di formatura dei metalli, e consiste nell’immettere un metallo fuso in una cavità; dopo il raffreddamento del metallo si ottiene un pezzo che ricopia al positivo la forma della cavità.

Le tecniche di fusione utilizzate per gli articoli De Venieri sono quelle della fusione in terra e della fusione in cera persa. A seconda della forma degli oggetti che si vogliono riprodurre si ricorre alla prima o alla seconda tecnica.
Di fondamentale importanza per entrambe le tecniche è partire da un modello realizzato in maniera precisa ed accurata.



FUSIONE IN TERRA

La caratteristica principale della tecnica di fusione in oggetto è quella di creare la forma (nella quale immettere il metallo fuso) nella terra (particolari sabbie utilizzate in fonderia*).
Per poter realizzare la suddetta forma è necessario disporre di un modello, cioè di un pezzo uguale o meglio simile all’oggetto che si vuole costruire.

Il modello deve essere simile e non uguale al pezzo da produrre per le seguenti ragioni:

- nel modello si deve necessariamente evitare che gli angoli di sformo siano retti
- il modello deve essere sovradimensionato per tener conto del ritiro che il metallo subisce durante il raffreddamento
- il modello deve tener conto di eventuali sovrametalli per consentire con successive lavorazioni (post fusione) l’ottenimento di precise quote e tolleranze.
- nel disegno si deve tener conto della necessità di estrarre il modello dalla terra senza danneggiare la cavità formata. L’estrazione del modello è possibile solo in assenza di sottosquadri. In questo modo vengono denominate quelle zone del modello che risultano essere in ombra rispetto alla direzione di estrazione del modello stesso.

Soprattutto con riferimento a questo ultimo aspetto, trovandosi nell’impossibilità di modificare il disegno del modello, si propende per la tecnica della cera persa anziché in terra.

Accessori per allestimento della forma
Il primo elemento per l’allestimento di una forma sono le staffe.
La staffa è un contenitore senza fondo, in genere costruito in ferro, dotato di due fori con i quali è possibile riferire correttamente due staffe.

Le fasi per la preparazione manuale della forma in terra sono le seguenti:

- preventivamente è necessario costruire un modello eventualmente diviso in due metà
- l’eventuale accoppiamento del modello di cui sopra deve essere garantito da alcune spine coniche ricavate all’interno dello stesso
- si posiziona un semi modello su un piano,
- si circonda il semimodello con una staffa
- si riempie la staffa di terra di fonderia e si compatta
- si capovolge la staffa
- si monta la seconda metà del modello con la seconda staffa, predisponendo il canale di colata
- si riempie anche la seconda staffa con terra e si compatta
- si apre la forma e si tolgono le due metà del modello
- si chiudono le due sue staffe facendo attenzione alla precisione di questa fase
- a questo punto si può versare il metallo fuso nel canale di colata

In presenza di una richiesta cospicua di pezzi , la sequenza delle fasi sopra descritta può essere eseguita automaticamente con l’ausilio di appositi macchinari di formatura che abbreviano i tempi ed i costi del lavoro.

Una volta ottenuto il getto fuso si procede alle successive fasi di lavorazioni meccaniche e di finitura di superficie.
Si completa con la fase di patinatura e ceratura.

*Materiale per allestimento della forma: la terra da fonderia è costituita da sabbia di quarzo impastata con argilla ed alcuni additivi; il rapporto sabbia /argilla è circa 10/1. I granelli di sabbia possono essere di diverse forme e dimensioni. L’argilla è tipicamente bentonite e la sua funzione è quella di conferire plasticità e coesione alla sabbia. All’impasto si aggiungono anche additivi per migliorarne le proprietà e una piccola quantità di acqua per aumentare la coesione e la plasticità



FUSIONE IN CERA PERSA

A tale tecnica, si ricorre qualora per motivi legati alla particolare forma del modello, la fusione in terra non risulti idonea .
Abbiamo precedentemente elencato quali caratteristiche fondamentali deve avere il modello per poter essere replicato tramite la fusione in terra; qualora alcuni requisiti del modello non possano essere soddisfatti , si propende per la tecnica di fusione in cera.

Alla fusione in cera si può ricorrere anche quando disponendo di un articolo originale lo si voglia replicare senza procedere alla realizzazione di un nuovo modello; in questo caso però il getto finale si presenterà con dimensioni sensibilmente ridotte rispetto all’originale e con gli eventuali difetti, imperfezioni ereditate dallo stesso oggetto originale.

La tecnica di fusione in parola si svolge con le seguenti modalità:

- anche in questo caso è necessario partire da un modello senza imperfezioni
- si procede realizzando un calco del modello in gomma o materiale siliconico
- il calco di cui sopra verrà utilizzato quale stampo (viene diviso in due parti in modo tale che il contenuto in cera possa essere agevolmente estratto)
- nello stampo si cola cera allo stato liquido sotto pressione
- una volta raffreddato si estrae il modello in cera dallo stampo in gomma
- si completa il modello in cera applicandogli i canali di colata
- si riveste il modello di un impasto di materiale refrattario
- si procede poi all’essicazione di tale involucro facendo uscire dallo stesso la cera che nel frattempo è tornata allo stato liquido
- nella cavità così formata si procede alla colata del metallo
- si procede poi alla sformatura ed alla finitura del pezzo




Le tecniche di fusione sopra descritte, consentono  a chi ne avesse la necessità o il desiderio, di realizzare complementi d’arredo su misura anche in serie limitate.  Da un disegno o meglio da un campione di cui si abbia la disponibilità  si può procedere alla  realizzazione dell’oggetto finito o  alla replica dell’originale.

La galleria fotografica che segue, mostra le varie fasi di lavorazione per giungere alla realizzazione del modello adatto alla fusione.

 
Interno laser
Risultato scansione
Disegno oggetto 3D
Interno laser
Risultato scansione
Disegno oggetto 3D
 
Disegno matrice 3D
Disegno matrice 3D
Percorso utensile per matrice
Disegno matrice 3D
Disegno matrice 3D
Percorso utensile per matrice
 
Percorso utensile per matrice
Lavorazione fresa CN
Lavorazione fresa CN
Percorso utensile per matrice
Lavorazione fresa CN
Lavorazione fresa CN
 
Matrice
Creazione modello per fusione in resina
Matrice
Creazione modello per fusione in resina
 
 

 

 
© Copyright 2008 De Venieri | P.IVA 02484380981 | Privacy Policy Designed by Dexanet